dcsimg

A Vogel in Slovenia per sciare low cost

Matteo Innocenti 10 gennaio 2014 2

Sei giorni di ski pass a 140 euro. Per gli sci ne bastano 50. E dormendo a valle si risparmia ancora. In settimana bianca a prezzi politici.

Vogel, Slovenia. Le piste innevate della stazione sciistica.

Vogel, Slovenia. Le piste innevate della stazione sciistica.

Chamonix, Courmayeur e Cortina d’Ampezzo. Località che non sono alla portata di tutte le tasche. Ma chi l’ha detto che la settimana bianca è solo una vacanza per ricchi? In giro per l’Europa ci sono infatti diverse località sciistiche in cui si può trascorrere la classica vacanza sulla neve senza spendere un capitale. Con piste, panorami e bellezze naturalistiche che non hanno niente da invidiare a quelle delle mete più famose. Una di queste è Vogel, sulle Alpi Giulie, in Slovenia.

SCI E SPORT ESTREMI. Il Vogel è uno dei pochi centri sciistici in cui si può sciare sulla neve naturale fino a metà aprile: qui cade molta più neve che alla stessa altitudine altrove nelle Alpi. Dal punto di vista paesaggistico è sicuramente tra i più belli della Slovenia, con il Triglav, la montagna più alta del Paese, che svetta proprio di fronte alle piste. In tutto la stazione di Vogel offre agli appassionati delle discese 18 chilometri di piste, che vanno dai 1.800 ai 569 metri di altitudine. Ma anche diversi percorsi per il fondo. In più, si possono praticare anche altre discipline. Come lo snow rafting, in cui ci si butta giù per le piste su un gommone orientandosi con delle pagaie. C’è una guida e le discese si susseguono per un’ora e mezza, al costo di 20 euro a persona. A Vogel c’è poi la possibilità di scoprire l’airboarding, un cuscino gonfio d’aria, simile a un materassino da mare, con il quale si scivola a pancia in giù sulla neve. In questo caso si spendono 24 euro e ci si diverte per due ore. Nei pressi delle piste, inoltre, ci sono delle piattaforme di lancio per il parapendio e ci si può anche avventurare nei fuori pista, con la dovuta cautela.

Vogel, Slovenia. Il Lago Bohinj, quando non è ghiacciato, si può scoprire a bordo di un battello ed è il punto di partenza per piacevoli escursioni.

Vogel, Slovenia. Il Lago Bohinj, quando non è ghiacciato, si può scoprire a bordo di un battello ed è il punto di partenza per piacevoli escursioni.

GLI SKI PASS DI VOGEL. Diverse le tipologie di skipass disponibili, che valgono per tutte le piste del comprensorio (per informazioni link in basso). Un giornaliero costa 27 euro, mentre per un abbonamento di sei giorni se ne spendono solo 140. Tra le tipologie di skipass c’è quello previsto per le famiglie: al giorno gli adulti pagano 23 euro, i bambini 14. Prezzi alla portata di molte tasche, così come quelli per il noleggio degli sci, per cui bastano 50 euro euro per sei giorni (per informazioni link in basso). C’è anche la possibilità, inoltre, di comprare un biglietto cumulativo, che include lo skipass per Vogel e l’ingresso all’Aquapark di Bohinjska Bistrica (per informazioni link in basso), che è anche un grande centro benessere: il costo è di 34 euro al giorno.

SUL LAGO IN BATTELLO. Il comprensorio di Vogel si trova a una manciata di chilometri dal Lago Bohinj, il più esteso della Slovenia. Dalle sue sponde non è lontana nemmeno la stazione sciistica di Kobla, che con i suoi 23 chilometri di piste è una valida alternativa a Vogel. Si può raggiungere in circa mezz’ora. In generale, il Lago Bohinj è il punto di partenza per diverse attività: da qui partono sentieri segnalati per gli amanti del trekking, ma si può anche fare il giro del lago a piedi e in bici. O apprezzarlo solcando le sue acque, sempre che non sia ghiacciato, su un battello. Al costo di 9 euro (per informazioni link in basso).

MANGIARE. Ci sono bar e ristoranti nel complesso sciistico di Vogel, dove fare una sosta tra una discesa e l’altra. Ma consigliamo anche altri ristoranti nei dintorni del Lago Bohinj: a Stara Fuzina c’è il Gostilna Mihovc, trattoria tradizionale dove per un menù completo bastano 13 euro. A Srednja Vas, c’è poi il Gostilna Rupa (per informazioni link in basso), dove provare gli ajdova krapi, gnocchi a forma di mezzaluna con formaggio e vari tipi di klobasa, la salsiccia tipica di questa regione. Spendendo una decina di euro circa.

Vogel, Slovenia. Una sosta soliva tra una discesa e l'altra.

Vogel, Slovenia. Una sosta soliva tra una discesa e l’altra.

DORMIRE. Ma, soprattutto, la vallata dove si trova il lago è consigliata per chi vuole fare una settimana bianca davvero low cost. Nei pressi degli impianti di risalita del Vogel ci sono affittacamere, bed&breakfast ed hotel in cui si può alloggiare, ma i prezzi non si discostano, in questo caso, da quelli proposti nelle località più in (per informazioni link in basso). Una matrimoniale può infatti costare 200 euro a notte. Meglio non dormire in quota: a Stara Fuzina c’è il Plansar (per informazioni link in basso), dove tra Natale e l’Epifania una matrimoniale costa 44 euro, che diventano 30 passate le vacanze natalizie. E nel piccolo centro abitato di Ribcev Laz c’è il Resman (per informazioni link in basso), dove si può dormire in due con 40 euro, spendendone poi 34 dal 3 gennaio in poi. In entrambi i casi la colazione si paga a parte, ma in compenso con qualche euro si può usare la cucina della struttura. Per i più giovani c’è poi anche un ostello, il Pod Voglom (per informazioni link in basso), con prezzi a partire da 16 euro a notte e colazione inclusa.

ARRIVARE. Vogel e il Lago Bohinj sono vicini al confine italiano. Dal nord si possono raggiungere comodamente in auto: da Udine distano, percorrendo prima la SS54 e poi la 102 in territorio sloveno, 125 chilometri. Arrivare in auto è sicuramente il modo migliore per avere più autonomia e scoprire le bellezze di questa regione. Ma si può anche sfruttare la comodità del Bohinj Ski Bus: è un autobus che ogni mattina parte da Bohinjska Bistrica e, attraversando tutti i villaggi attorno al lago, raggiunge infine il comprensorio di Vogel. Per questo, la stazione sciistica è alla portata anche di chi sceglie di volare in Slovenia. Da Roma con Air Serbia (per informazioni link in basso) si fa scalo a Belgrado e si spendono 210 euro, andata e ritorno. Stesso prezzo da Napoli con Lufthansa (per informazioni link in basso) e scalo a Monaco di Baviera. Da Lubiana si può poi prendere un treno (per informazioni link in basso) e, con un cambio, arrivare a Bohinjska Bistrica in due ore, con meno di 7 euro. Facendo qualche calcolo, Vogel è davvero low cost: volo e pasti compresi, per una settimana bianca possono bastare meno di 600 euro a persona.

PER INFORMAZIONI: Vogel Ski ResortNoleggio Sci 1Noleggio Sci 2AquaparkTour in battelloAlloggi VogelPlansarResmanHostel Pod VoglomGostilna MihovcAir SerbiaLufthansaTreni sloveni

2 Commenti »

  1. Vincenzo 15 gennaio 2014 at 07:11 - Reply

    Articolo interessante, peccato che con 600 euro si può andare tranquillamente sulle dolomiti! Come fate a parlare di low cost?!!

    • Riccardo Venturi 15 gennaio 2014 at 11:10 - Reply

      Salve, grazie della sua mail. La risposta all’autore dell’articolo Matteo Innocenti. «Mi permetto di dissentire. Il prezzo indicativo per una settimana bianca a Vogel è comprensivo di volo, pernottamento, skipass e cene in ristoranti. Se si viaggia in auto potrebbe quindi scendere. Sulle Dolomiti, per fare un esempio, lo Skipass di Valle, valido per gli impianti di risalita di Cortina d’Ampezzo, San Vito di Cadore, Auronzo e Misurina – certo luoghi magnifici – costa per sei giorni 213 euro fino all’inizio di febbraio e poi 242 successivamente, fino a metà marzo. Occorre poi aggiungere il noleggio degli sci e soprattutto una settimana in albergo (a persona servono come minimo 300 euro). Oltre ai pasti. Un volo dal sud Italia farebbe crescere ulteriormente il prezzo, che supererebbe, e non di poco, i 600 euro».

Lascia un Commento »

*